Prodotti De. Co.

Prev Next

Prodotti De. Co. in Italia

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Biscottu ipparráddu di Sorso

 Descrizione prodotto           

Il “Biscottu ipparráddu” è un prodotto di panetteria, a sfoglia biscottata, ottenuto dalla lavorazione esclusiva di semolato rimacinato di grano duro unito ad acqua sale marino e lievito. Il ciclo produttivo non prevede l’impiego di coloranti, conservanti e di materie prime OGM o loro derivate. Le materie prime, preferibilmente, devono essere di provenienza regionale e derivare da forme di agricoltura eco-compatibile (es. agricoltura biologica), nonché De.Co.

 

           

Ricette           

La ricetta di preparazione del “Biscottu ipparráddu” prevede l’utilizzo delle seguenti materie prime (dosi per circa 1 q. di semolato rimacinato):

o          Semolato rimacinato di grano duro: 100 kg

o          Acqua: 30/40 l

o          Lievito di birra: 240 g/ 1 kg

o          Sale marino: 18 kg/ 2.2 kg

La lavorazione del prodotto denominato “Biscottu ipparráddu” avviene secondo le successive 6 fasi:

•          IMPASTO: L'impasto viene preparato mediante impastatrice, per un tempo variabile dai 15 ai 20 minuti, amalgamando tutti gli ingredienti sino a ottenere un composto omogeneo.

•          PRIMA LIEVITAZIONE: In alcuni casi, l'impasto può essere lasciato riposare per circa 15 minuti per favorire la lievitazione.

•          MODELLATURA E SECONDA LIEVITAZIONE: La modellatura viene effettuata manualmente sino ad ottenere pani di circa 250 g ciascuno; i pani ottenuti vengono lasciati riposare per circa un'ora.

•          SPIANATURA E TERZA LIEVITAZIONE: La pasta viene spianata manualmente sino a ottenere una sfoglia di circa 3-4 mm. Le forme ottenute vengono quindi disposte su piani e lasciate riposare per 30-60 minuti e ricoperte con teli di tessuto naturale.

•          PRIMA COTTURA: La prima cottura viene effettuata ad una temperatura di 350-400°C per alcuni secondi. In questa fase viene provocato il rigonfiamento delle forme ("forma a palloncino"). Il pane viene quindi sfornato e ciascuna forma, a caldo, viene separata manualmente nelle due sfoglie mediante apertura lungo i bordi con l'ausilio di coltello o forbici; le sfoglie vengono ripiegate assieme a metà e rimesse in forno per l'ulteriore cottura (biscottatura).

•          SECONDA COTTURA: La seconda cottura viene effettuata ad una temperatura di circa 180-250°C sino a essiccamento e doratura del prodotto. Il prodotto sfornato viene lasciato raffreddare adagiato su superfici in legno.