Prodotti De. Co.

Prev Next

Prodotti De. Co. in Italia

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Graffiola di Cortale (Catanzaro)

Storia del prodotto: la "graffiòla" è il dolce tradizionale di Cortale (CZ), di origini molto antiche. Le graffiòle, infatti,  erano i dolci tipici della festa e dei matrimoni. Già negli anni '30 le famiglie nobili incaricavano le anziane depositarie di quest'arte le quali, per l'occasione nuziale, si trasformavano in provette pasticcere e riproponevano la tradizionale ricetta; ricetta che che si è tramandata da generazioni in generazioni, da madre in figlia. Negli anni'60 interi gruppi familiari prendevano in prestito il panificio per due o tre giorni con lo scopo di preparare tutti i dolci del matrimonio, oltre che le graffiòla, la cui preparazione veniva lasciata alle esperte graffiolàre il cui nome ancora oggi viene ricordato.
La preparazione della graffiòla
è un vero e proprio e richiede fasi precise ed una manualità particolare. Un'arte vera e propria che consente oggi come cento anni fa di ottenere un prodotto d'eccellenza con materia prima semplice e genuina, senza l'uso del lievito, tramite un forno a legna e tanto lavoro.

La ricetta

Ingredienti: uova; Zucchero; farina

 
La preparazione: si comincia con la rottura delle uova dalle quali si divide il tuorlo dall'albume. Al tuorlo viene aggiunto prima lo zucchero e poi la farina e viene montato a mano o con piccole fruste elettriche.
Le dosi non sono scritte ma le donne vanno "a sensazione" ovvero aggiungono lo zucchero e poi la farina fino a conferire la giusta consistenza. E' importante la tipologia di uova utilizzate: uova troppo ricche di acqua, come quelle estive in seguito alle esigenze del pollame, determinano un albume troppo acquoso ed un prodotto finale meno morbido e gonfio che richiede una maggiore permanenza in forno. E l'umidità è fondamentale per la qualità delle Graffiòla: l'umidità dell'impasto, l'umidità dell'ambiente e l'umidità dell'aria da cui deriva l'importanza della corrente d'aria all'interno del forno a legna che dovrà "avere sportelli aperti e sportelli chiusi alternativamente al fine di far entrare l'aria che aiuta la graffiòla a gonfiare…. ma non troppa". Infatti la graffiòla dovrà rimanere alta e soffice e non dovrà "sgonfiarsi" una volta cotta, glassata e confezionata.
La montata "a neve dell'albume" deve essere ottenuta esclusivamente a mano con la frusta e solamente nel pentolone in rame come un tempo. L'albume cambia colore e consistenza gradualmente, da trasparente e liquido a bianco e cremoso mentre viene montato velocemente.
Quando la montata è pronta ovvero quando sollevando la frusta, l'albume rimarrà aderente e "fermo", allora si versa lentamente nel pentolone quanto si è amalgamato precedentemente nell'altro contenitore: tuorlo, zucchero e farina. I due impasti devono uniformarsi nel grande pentolone di rame per cui si provvede ancora ad agitare la massa continuamente e a mano. Fino ad arrivare al colore crema ed alla densità giusta ovvero quando "nella frusta sollevata non rimane più l'impasto il quale scivola e cola morbidamente".
A questo punto si possono "stampare a mano" le graffiòle; si dispone la carta rustica sulle teglie in metallo e si dispongono gli abbozzi delle graffiòle: con un semplice cucchiaio di ferro, si attinge l'impasto cremoso dal pentolone e si
dispone ruotando in maniera precisa il cucchiaio conferendo la giusta forma alla graffiòla.
La teglia si inserisce in forno a 250° per venti minuti o mezzora. Quando cambinano colore fino a diventare dorate e si staccano dalla teglia senza sforzo, allora sono pronte.
Preparazione della glassa: acqua e zucchero si mettono a bollire (generalmente 1 litro di acqua ed 1 Kg di zucchero) fino ad ottenimento dello sciroppo dalla giusta consistenza. Infine, spennellare con la glassa ottenuta le graffiole.

 

Link:

www.calabriadeco.it

www.comune.cortale.cz